Home » Servizi del Comune » Area Servizi Demografici » Anagrafe » Richiesta di residenza

Richiesta di residenza

REQUISITI
Abitare effettivamente all'indirizzo dichiarato nel Comune di Moniga del Garda.
INFORMAZIONI GENERALI
  • Il cittadino che si trasferisce a Moniga del Garda da altro Comune o dall'estero deve dichiarare la nuova residenza entro 20 giorni.
  •  Ogni cittadino maggiorenne può effettuare l'iscrizione anagrafica per sè, per gli altri componenti della famiglia anagrafica, per le persone sulle quali esercita la potestà, per le persone sulle quali esercita la tutela.
  • Se il trasferimento avviene in un'abitazione dove sono già residenti altre persone o nuclei familiari, al momento della dichiarazione deve essere presente anche uno dei suoi componenti maggiorenni, munito di documento di identità, per dichiarare l'assenso alla variazione del nucleo familiare oppure deve produrre l’ autocertificazione dell’assenso.
  • Le dichiarazioni relative ai minori possono essere presentate solamente da chi ne esercita la potestà o tutela.
  • Contestualmente al cambio residenza, si dovrà procedere con l'aggiornamento del nuovo indirizzo sia sulla patente che sul libretto di circolazione di eventuali veicoli posseduti.
  • Si ricorda che l’art. 5 – primo comma - del Decreto Legge n. 47/2014, convertito con modificazioni dalla Legge n. 80/2014, dispone: “chiunque occupa abusivamente un immobile senza titolo non può chiedere la residenza né l'allacciamento a pubblici servizi in relazione all'immobile medesimo e agli atti emessi in violazione di tale divieto sono nulli a tutti gli effetti di legge”. E’ pertanto necessario presentarsi allo sportello con la copia del titolo registrato che consente di occupare l’immobile: contratto di compravendita, comodato, usufrutto, locazione (quest’ultimo accompagnato dal documento comprovante l’eventuale rinnovo – modello F24)  oppure, in alternativa, sottoscrivere  la dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà.
  • In seguito al cambio di residenza, la carta di identità non andrà riemessa con il nuovo indirizzo, potendo ciò avvenire solo alla scadenza.
  • L'ufficio anagrafe, al momento della domanda di residenza presso i propri sportelli, rilascia apposita ricevuta attestante l'avvenuta richiesta.
DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE, PER OGNI PERSONA
1.    Documento di identità valido (sono documenti di identità la carta di identità, il passaporto, la patente di guida, la patente nautica, il porto d'armi, nonché gli altri documenti di riconoscimento muniti di fotografia e di timbro o di altra segnatura equivalente, rilasciati da un'amministrazione dello Stato).
2.    Codice fiscale.
3.    Numero della patente italiana e numero della targa di eventuali veicoli di proprietà
4.    Indirizzo dell'alloggio presso il quale si richiede la residenza e copia del titolo che consente di occupare l’immobile come suindicato
5.    Qualora il nucleo familiare provenga dall'estero, è necessaria l'esibizione del passaporto, nonché di idonea documentazione rilasciata dalla competente autorità consolare o diplomatica italiana che attesti gli eventuali rapporti di parentela tra i componenti la famiglia.
Inoltre,
  • per i cittadini di Stati facenti parte dell'Unione Europea vai alla sezione relativa
  • per i cittadini extracomunitari vai alla sezione relativa
  • La mancanza di alcuno dei documenti sopra richiesti, determina l'impossibilità di ricevere la dichiarazione di residenza. L'ufficio, per definire la pratica, può inoltre richiedere ogni altro documento ritenuto necessario.
COSTI DELLA PRATICA
Nessuno.
ITER DELLA PRATICA
Ai sensi dell'art. 5 del Decreto Legge n. 5/2012, convertito con modificazioni dalla Legge n. 35/2012, l'iscrizione anagrafica si perfeziona entro due giorni lavorativi dalla dichiarazione resa o inviata.
L'ufficio procede poi ad accertare la sussistenza dei requisiti previsti per l'iscrizione anagrafica che si considera confermata qualora siano trascorsi 45 giorni dalla dichiarazione e non sia stata effettuata la comunicazione dei requisiti mancanti ex art. 10-bis della Legge n. 241/1990 (c.d. preavviso di rigetto dell'istanza).
NORMATIVA DI RIFERIMENTO
  • Legge 24 dicembre 1954 n. 1228 "Ordinamento delle anagrafi della popolazione residente"
  • D.P.R. 223 del 30/08/1989 "Nuovo regolamento anagrafico della popolazione residente".