Comune di Moniga del Garda

Home » Cultura e Turismo » Territorio

TERRITORIO

Il territorio della Valtenesi nasce circa 15000 anni fa alla fine dell'ultima glaciazione: in quel periodo si forma lungo la costa una serie di colline disposte a forma di anfiteatro frutto dei depositi morenici lasciati dal ghiacciaio. Le colline moreniche presentano un substrato roccioso prevalentemente calcareo e sabbioso e la loro altezza sul livello del mare non supera i 300 metri . Tra le dorsali si trovano vari ripiani intermorenici un tempo occupati da paludi ma oggi interamente soggetti a colture. La fascia costiera risulta formata ora da zone collinari dall'andamento lineare che digradano dolcemente ora da alte falesie a strapiombo sul lago. Dopo periodi intermedi, in cui il clima si era variamente modificato, attorno all'800 A.C si assiste a un assestamento del clima e di conseguenza dell'assetto vegetazionale che caratterizza il paesaggio fino ai nostri giorni.

Anche il territorio di Moniga presenta queste caratteristiche e nel suo territorio sono riscontrabili alcune zone in cui persistono piante particolarmente interessanti. I boschi più lontani dal lago con ambiente più fresco ed umido sono ricchi di Roverella, Carpino Bianco, Tiglio, Acero e Nocciolo. Nel sottobosco fioriscono Rosa di Natale, Erba Trinità, Bucaneve, Pervinca. I versanti più soleggiati vicino al lago con ambiente più caldo sono caratterizzati dalla presenza di Carpino Nero, Orniello, Carpinella e Acacia. Nel sottobosco Biancospino, Pungitopo e Ginestrella.
Nella zona umida, dove ancora permane l'ambiente paludoso residuo dei laghetti intermorenici, si trovano Ontano, Pioppo Nero, Piante acquatiche come la Cannuccia palustre e la Lenticchia d'acqua.

La presenza dell'uomo nel corso dei secoli ha fortemente modificato il paesaggio naturale dapprima con l'introduzione dell'agricoltura, poi con gli insediamenti edilizi che hanno assai compromesso l'integrità dei luoghi. Tuttavia è possibile ancora ritrovare ambienti in cui vivono piante e fiori spontanei. L'agricoltura ha caratterizzato fin dall'antichità queste zone utilizzate dall'uomo per la coltivazione di viti, ulivi e cereali. Se fino a qualche decennio fa erano numerosi i contadini che coltivavano piccoli poderi da cui traevano tutto il loro guadagno, oggi sono stati sostituiti da moderne aziende agricole condotte da esperti che si giovano delle più moderne tecnologie. Ulivi e viti sono pertanto le coltivazioni più diffuse e offrono prodotti certificati di alta qualità.

IN QUESTA SEZIONE